Normativa nazionale di base

Versione stampabileVersione stampabile

E' di fondamentale importanza fare accenno ad alcune tra le più importanti normative nazionali che hanno disciplinato e pianificato, negli anni, l’attività di pesca:

  • Decreto Legislativo 9 gennaio 2012, n. 4 recante “Misure per il riassetto della normativa in materia di pesca e acquacoltura, a norma dell'articolo 28 della legge 4 giugno 2010, n. 96”. (GU n. 26 del 1-2-2012)

  • D.P.R. n° 1639 del 2 ottobre 1968 “Regolamento per l'esecuzione della Legge 14 luglio 1965, n. 963, concernente la disciplina della pesca marittima”;

  • Legge n° 381 del 25 agosto 1988 “Modificazione alla legge 15 luglio 1965, n. 963 concernente disciplina della pesca marittima-ecologica”;
  • Decreto Legislativo 27 gennaio 1992, n. 109 sulla “Etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari”;
  • Decreto Legislativo 30 dicembre 1992 n° 530 “Norme sanitarie applicabili alla produzione e commercializzazione dei molluschi bivalvi vivi” (abrogato ad eccezione dell'articolo 20);
  • Decreto 26 luglio 1995 “Disciplina del rilascio delle licenze di pesca (attrezzi)”;
  • D.P.R. 9 novembre 1998, n. 424, che indica il Comando Generale quale Autorità competente responsabile del C.C.N.P.;
  • Decreto Legislativo 27 luglio 1999, n° 271 “Sicurezza e salute dei lavoratori marittimi a bordo delle navi da pesca per il lavoro a bordo delle navi mercantili”;
  • Decreto Legislativo 17 agosto 1999, n° 298 “Attuazione della direttiva 93/103/CE relativa alle prescrizioni minime di sicurezza e di salute per il lavoro a bordo delle navi da pesca”;
  • Decreto Legislativo 18 maggio 2001, n° 226 “Orientamento e modernizzazione della pesca e dell’acquacoltura, a norma dell’art. 7 della legge 5.3.2001, n. 57 - Modificato dal D.L.vo 153/2004”;
  • Decreto 27 marzo 2002 “Etichettatura dei prodotti ittici e sistema di controllo. Attenzione alle indicazioni obbligatoria – Nella vendita al dettaglio – In etichetta: la denominazione commerciale; il metodo di produzione; la zona di cattura (ad esempio: Nasello pescato in Mediterraneo);
  • Decreto 12 settembre 2002 “Istituzione del Nucleo centrale ispettori pesca”;
  • Decreto Legislativo 26 Maggio 2004, n. 153 come modificato dalla Legge 6.6.2008, n.101 “Attuazione della legge 7 marzo 2003, n. 38, in materia di pesca marittima (in corso di modifica. Riapertura delega con particolare riferimento alle sanzioni - raddoppiate - e al divieto di detenzione di reti non ammesse)”;
  • Decreto Legislativo 26 Maggio 2004, n. 154 come modificato dalla Legge 6.6.2008, n.101 “Modernizzazione del settore pesca e dell'acquacoltura, a norma dell'articolo 1, comma 2, della Legge 7 marzo 2003, n. 38”;
  • Decreto 26 luglio 2004, n. 231 “Regolamento recante integrazioni e modifiche al Regolamento di sicurezza per le navi abilitate alla pesca costiera”;
  • Decreto 14 gennaio 2005 “Denominazione in lingua italiana delle specie ittiche di interesse commerciale (integrato dal decreto 25 luglio 2005)”;
  • Decreto Legislativo 27 maggio 2005, n.100 “Istituzione del Reparto P.M.”;
  • Decreto 24 maggio 2006 “Modalità di impiego della «ferrettara» (piccola rete da posta derivante)”;
  • Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n° 193 “Attuazione della direttiva 2004/41/CE relativa ai controlli in materia di sicurezza alimentare e applicazione dei regolamenti comunitari nel medesimo settore”;
  • Legge 6 giugno 2008, n. 101 “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 8 aprile 2008, n. 59, recante disposizioni urgenti per l’attuazione di obblighi comunitari e l’esecuzione di sentenze della Corte di giustizia delle Comunità europee”;
  • Legge 217 del 15 dicembre 2011 “sulle Disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia alle Comunita' europee - Legge comunitaria 2010. (12G0001)”.