Avviso di concluse indagini

Versione stampabileVersione stampabile

L'art. 415 bis c.p.p.[1] dispone che, prima della scadenza del termine delle indagini preliminari, anche se prorogato, il P.M., se non deve formulare richiesta di archiviazione, fa notificare alla persona sottoposta alle indagini e al difensore «avviso della conclusione delle indagini preliminari».
L’atto è finalizzato a consentire all’indagato un "contraddittorio anticipato" allo scopo di
evitargli incriminazioni infondate o non adeguatamente ponderate. Pertanto, l’avviso deve contenere l’enunciazione del fatto-reato addebitato e deve essere accompagnato dal deposito dell’intero fascicolo del P.M.
Nei successivi 20 giorni l’indagato ha facoltà di presentare elementi a sua difesa, prendere visione ed estrarne copia degli atti di indagine e può presentare memorie, produrre documenti, depositare documentazione relativa alle investigazioni difensive, nonché presentarsi per rilasciare dichiarazioni spontanee, ovvero chiedere di essere sottoposto a interrogatorio o di compiere ulteriori atti di indagine, che devono essere "espletati dal Pubblico Ministero", nei successivi trenta giorni, termine prorogabile dal G.I.P per una sola volta, al massimo, fino a sessanta giorni.
E’ evidente che se all’esito delle investigazioni svolte la notizia di reato si è rilevata priva di fondamento, o, in ogni caso, l’azione penale non può essere iniziata per
altri motivi non vi è ragione di sollecitare l’indagato a prospettare ulteriori approfondimenti.

  • Il contenuto dell’avviso della conclusione delle indagini (art. 415 co. 2 e 3 cp.p.):

L’avviso della conclusione delle indagini "contiene":

  1. la sommaria enunciazione del fatto per il quale si procede;
  2. la indicazione delle norme di legge che si assumono violate;
  3. la indicazione della data e del luogo del fatto;
  4. l’avvertimento che la documentazione relativa alle indagini espletate è depositata presso la segreteria del Pubblico Ministero e che l’indagato e il difensore hanno facoltà di prenderne visione e di estrarne copia;
  5. l’avvertimento che l’indagato ha facoltà, nel termine di venti giorni (che decorre dalla notifica dell’avviso):

          a) di presentare memorie;

          b) di produrre documenti;

          c) di depositare documentazione relativa alle investigazioni difensive;

          d) di chiedere al P.M. di compiere atti di indagine;

          e) di presentarsi per rilasciare dichiarazioni;

          f)  di chiedere di essere sottoposto a interrogatorio

 


[1] L’art. 415 bis c.p.p. è stato introdotto dall’art. 17 co. 2 della legge 16 dicembre 1999, n. 479 c.d. Legge Carotti, dal nome del relatore alla camera dei Deputati ed entrata in vigore il 3 gennaio 2000.
[2] L’interrogatorio al quale l’indagato può richiedere di essere sottoposto acquista un più pregnante ed autentico significato ai fini dell’esercizio della funzione difensiva, in quanto reso alla luce del bagaglio di conoscenze e della consapevolezza della vicenda processuale che derivano dalla previa consultazione ella documentazione relativa alle indagini espletate.