Denunce a carico di ignoti

Versione stampabileVersione stampabile

L’art. 107 bis delle disposizioni di attuazione e coordinamento del Codice di rito, introdotto dalla Legge 479/99 (c.d. Legge Carotti) stabilisce che le denuncie a carico di ignoti sono trasmesse all’Ufficio di Procura competente da parte degli Organi di polizia, unitamente agli eventuali atti di indagine svolti per la identificazione degli autori del reato, con «elenchi mensili».
La norma introdotta dall’art. 107 bis consente di derogare al disposto dell’art. 347, 1° comma c.p.p. (secondo cui la P.G. riferisce, senza ritardo al P.M. per iscritto gli elementi essenziali del fatto e gli elementi raccolti in relazione a ogni notizia di reato acquisita), disponendo che le notizie di reato a carico di ignoti possono essere trasmesse «periodicamente» in elenchi mensili insieme alle risultanze delle attività di indagine svolte.
In tal modo si evita la trasmissione continua agli uffici di Procura di un ingente numero di notizie di reato
prive di concreta rilevanza per l’attività del Pubblkico Ministero consentendo anche una più razionale organizzazione degli Uffici delle forze di polizia che possono centralizzare la raccolta di siffatte notizie e inviarle secondo tempi e modalità predeterminati.

Il comma 4 dell’art. 415 c.p.p. semplifica l’attività delle Procure e degli Uffici del Giudice per le indagini preliminari (GIP) consentendo al P.M. di richiedere al GIP di disporre la «archiviazione» dei procedimenti contro ignoti, trasmessi dalla P.G. con elenchi mensili di cui all’art. 107 bis, cumulativamente per ciascun elenco.
Per effetto della nuova normativa, il P.M. formulerà
un’unica richiesta di archiviazione e il GIP emetterà un unico decreto di archiviazione in relazione a tutte le N.d.R. contenute in ciascun elenco mensile.
Rimangono ferme le facoltà del P.M. e del GIP, rispettivamente, di "
escludere" dalla richiesta di archiviazione quelle notizie di reatro, ritenute "meritevoli di approfondimento" e di non adottare il provvedimento di archiviazione in quei casi in cui la richiesta dell’organo dell’accusa non appare condivisibile.