L'attività di assicurazione

Versione stampabileVersione stampabile

Sarebbe inutile individuare gli autori dei reati se non fossero consentiti, nei reati più gravi, «atti di assicurazione personale» (ad esempio: arresto in flagranza e fermo di indiziato); sarebbe inutile ricercare le cose e tracce pertinenti il reato se non fossero consentiti «atti di assicurazione reale» (ad esempio: sequestro), volti, cioè alla conservazione di quelle cose o tracce utili per il procedimento.
L’attività di assicurazione consiste nell’acquisire in disponibilità i risultati delle investigazioni precedentemente o contestualmente compiute., affinché possano servire ai futuri sviluppi dell’accertamento penale.

In particolare, l’attività di assicurazione può essere attuata:

  1. sulla persona, ed è compiuta mediante la sua precisa individuazione, o, nei casi più gravi, mediante l’adozione nei suoi confronti delle misure coercitive dell’arresto in flagranza o del fermo;
  2. sulle cose e tracce pertinenti al reato, e ciò avviene mediante la loro generica conservazione ovvero, quando possibile, mediante il loro impossessamento e la loro custodia (=sequestro penale).

L’assicurazione personale è attuata nei casi più semplici, attraverso l’acquisizione degli elementi necessari per poterne avere la disponibilità (ad esempio, attraverso una precisa individuazione e conoscenza delle generalità e della residenza del soggetto), e, nei casi più gravi anche attraverso la limitazione della libertà personale mediante l’adozione di “misure pre-cautelari“ o “provvisorie di coercizione personale” quali l’arresto in flagranza o il fermo di indiziato di delitto.
L’assicurazione delle cose e tracce pertinenti al reato è attuata, se possibile, attraverso il loro impossessamento e la loro custodia.

Si tratta sostanzialmente di “misure coercitive reali”, che, come quelle personali, hanno carattere provvisorio o precario e consistono in una generica attività di conservazione dello stato delle cose ovvero nel loro sequestro.
Laddove possibile, l’assicurazione delle cose e delle tracce pertinenti al reato avviene mediante l’impossessamento e custodia intesi in senso materiale.

  • Si pensi, ad esempio, con riferimento al reato di inquinamento marino, al sequestro del registro idrocarburi dell’unità sospettata di aver causato un inquinamento marino, ovvero il sequestro di impianti deputati alla movimentazione di prodotti inquinanti da sottoporre a successiva perizia da parte di consulenti tecnici nominati dall’Autorità Giudiziaria o ancora delle navi o imbarcazioni che hanno prodotto l’inquinamento.
    E ancora, con riferimento alla polizia demaniale (art. 30 Cod. nav.), al sequestro preventivo e/o probatorio di opere abusive realizzate su suolo demaniale marittimo.

In molte circostanze tale attività è difficilmente praticabile. Si pensi ai casi in cui i fatti o gli avvenimenti ovvero le qualità ed i modi di essere delle cose sono destinati a svanire.
In questi casi l’assicurazione avviene mediante «documentazione» (descrittiva: verbali, annotazioni; riproduttiva: rilievi, calchi, disegni, documentazione cinematografica).

  • Si pensi, ad esempio, alla tracce di frenata sull’asfalto, di affumicatura a seguito di incendio in porto o all’odore di un certo combustibile; e, ancora, alla ipotesi di un occasionale accertamento di iridescenze di sostanze inquinanti in un tratto di mare da parte del personale della Guardia Costiera sprovvisti di mezzi per il tempestivo prelievo di campioni di acqua di mare. In tal caso l’assicurazione può avvenire mediante qualsiasi documentazione descrittiva (Verbale o annotazione) o riproduttiva (rilievi fotografici riportanti la data sovra impressa sulla pellicola).

L’assicurazione reale è attuata mediante l’impossessamento e la custodia delle cose o delle tracce pertinenti il reato (sequestro).

Le misure personali e quelle reali hanno in comune la finalità cautelare, consistente nella tutela di valori processuali o extraprocessuali, cioè di difesa sociale.

Il criterio differenziale tra i due tipi di misura risiede nel loro oggetto:

  1. nelle misure personali, oggetto è la persona indagata o imputata, la quale vede temporaneamente soppressa o limitata la sua libertà fisica o di locomozione spaziale;
  2. nelle misure reali, oggetto è una cosa, un bene mobile o immobile che è sottoposto a sequestro, probatorio, conservativo o preventivo.